Calcio live
William Hill Sport

Il Bayern cerca il successo nella finale di Champions a Monaco

Pubblicato il martedì 15 maggio 2012 Condividi su twitter Condividi Facebook
Il Bayern cerca il successo nella finale di Champions a Monaco
Dopo la scoppola rimediata a Berlino contro il Borussia Dortmund nella finale della Coppa di Germania, il Bayern Monaco di Jupp Heynckes si prepara per la finalissima casalinga della 20esima edizione della Champions League, il trofeo più ambito del continente, contro il Chelsea di Di Matteo che raggiunge la Baviera dopo aver eliminato il Barcellona campione in carica senza subire sconfitte nel doppio confronto. Davanti al pubblico di casa i Die Roten hanno sempre vinto (sei successi consecutivi ottenuti contro Manchester City, Napoli, Villarreal, Basilea, Olimpique Marsiglia e Real Madrid), il bilancio totale riporta otto successi, un pareggio e tre sconfitte, di poco migliore rispetto a quello dei Blues che invece hanno raccolto sette successi, tre pareggi e due sconfitte per giungere fino all'Allianz Arena (per l'occasione illuminata tutta di verde), sconfitte arrivate tutte lontano da Londra. Si tratta del terzo confronto tra inglesi e tedeschi in Europa, i primi due furono nei quarti di finale della Champions League del 2004/5 vinto dai Blues di Mourinho con un 4-2 a Londra seguito da una sconfitta per 3-2 a Monaco. Sono solo quattro le squadre ad aver vinto in Europa sull'erba verde dell'Allianz Arena inaugurato il 30 maggio 2005 ,dopo tre anni di lavori e 340 milioni di euro spesi, ovvero Milan, Bordeaux, Inter ed Anderlecht: già sfavoriti per il fattore campo i Blues di Di Matteo dovranno rinunciare a capitan Terry, oltre che a Ramires e Raul Meireles. Sono otto le finali disputate dai rossi di Baviera: il bilancio riporta quattro successi nel 1973/74, 1974/75, 1975/76 e 2000/01, e quattro sconfitte nel 1981/82, 1986/87, 1998/99 e 2009/10). Per il Chelsea invece si tratta della seconda finalissima: la prima risale all'edizione 2007/8 persa a Mosca contro il Manchester United ai calci di rigore.